CHE SIA L’IN(D)IZIO PER UNA NUOVA “PRIMAVERA” ?

inps_bilancio-300x219

Con l’incontro di oggi, secondo le intenzioni manifestate dalla neo Delegazione trattante, si vorrebbe dare avvio in Inps ad un nuovo percorso di proficue relazioni sindacali, con la volontà di attuare confronti specifici sui tanti argomenti che in questo particolare momento riguardano la quotidianità dei lavoratori dell’Istituto.
Staremo a vedere, vigili e attenti, affinché questo realmente accada e ci veda protagonisti, come sempre, negli interessi dei lavoratori, e di nessun altro!!

I temi affrontati nella riunione hanno riguardato le problematiche del personale ispettivo; la possibilità di un accordo sui cambi di profilo; gli effetti della circolare n.59/17 sull’operatività delle sedi metropolitane; i chiarimenti chiesti in ordine al recupero fiscale sui sussidi straordinari erogati al personale.
A margine dell’incontro si è poi parlato di produttività e saldo incentivo 2016 e della situazione relativa ai ricorsi sulle graduatorie per le selezioni interne.
In premessa è stata sollevata una pregiudiziale verso una comunicazione di servizio pubblicata da un Dirigente di Sede Provinciale che impediva la partecipazione, ad un interpello per la copertura di specifiche funzioni, a chi svolgesse o avesse svolto un ruolo sindacale: Il Capo del Personale ha preso le distanze dalla  iniziativa unilaterale di questo Dirigente e contestualmente ha informato le OO.SS. che la comunicazione di servizio sarà immediatamente modificata in quanto discriminativa dell’attività sindacale.
Nel merito questi gli aggiornamenti su:

Problematiche del personale ispettivo. – La nostra delegazione ha affrontato le problematiche presenti sul territorio rispetto all’operatività dell’INL. Le nostre preoccupazioni, che affrontiamo oramai da anni, le abbiamo oggi ribadite, benché successive alla sottoscrizione del protocollo d’intesa tra Inps e INL. È necessario migliorare i rapporti sindacali in quanto il confrontarsi migliora l’attività lavorativa dei dipendenti.La mancanza di una coerente messaggistica ha prodotto, sino al recentissimo passato, l’impossibilità dello svolgimento delle attività di vigilanza, poiché le direttive, già di per se discordanti, sono state trasferite sul territorio in maniera caotica e disorganica, creando confusione ed incertezza tra gli ispettori, facendo sì che il personale non potesse esercitare la propria attività lavorativa con serenità e con la convinzione di operare nella legalità. Abbiamo contestato il msg n. 1205 del 16/3/2017, della Direzione Centrale Entrate e Recupero Crediti per la parte legata all’individuazione della qualifica di UPG in quanto tale qualifica non si può conseguire con un semplice corso di sei ore effettuato tra l’altro in video conferenza, e chiesto, fortemente, che venga avviata una specifica e consistente attività di formazione. Altra contestazione ha riguardato il monito del Dirigente dell’Area sul rallentamento dell’attività di accertamento con ricadute sulla produzione e di conseguenza sulle retribuzioni di risultato e di incentivo. Abbiamo sollevato la problematica del tesserino di riconoscimento con il solo logo INL, che a breve sarà consegnato a tutti gli ispettori, e chiesto se la presentazione di tale tesserino potrà inficiare la validità degli accertamenti. Nella replica l’Amministrazione ha chiarito innanzitutto che il corpo ispettivo dell’INPS è una risorsa dell’istituto e tale rimane, e che farà di tutto per dirimere le problematiche che di volta in volta possono nascere tra l’INL e l’Inps. Ha tenuto a precisare inoltre che il piano di vigilanza e gli obiettivi per il 2017 sono contenuti nella circolare 179/16, ai quali si farà riferimento per l’erogazione degli incentivi; che si è insediata la Commissione Centrale di Programmazione con l’obiettivo di facilitare la collaborazione tra gli Enti.. Molta attenzione l’Amministrazione ha posto alle problematiche relative ai livelli di interfaccia tra INL e Inps (Dirigente-Dirigente e Ruo-Responsabile INL) ed alla modalità di utilizzo delle liste ispettive per non inficiare la riservatezza e l’effetto sorpresa. Ci è stata data rassicurazione riguardo l’affiancamento che se, e quando dovrà avvenire, con modalità tutte da valutare, sarà certamente successivo alla formazione in aula del personale dell’INL. Sul trasferimento delle risorse economiche e strumentali, l’Amministrazione ha precisato che lo stesso avverrà solo dopo l’emanazione di apposito Decreto Ministeriale cosi come previsto all’art.23 del DPCM 23/02/2016.Riguardo i tesserini di riconoscimento, l’Amministrazione ritiene corretto l’utilizzo in quanto in possesso di un parere positivo dell’Avvocatura dell’Istituto. A tale ultima considerazione, vista la dicitura contenuta negli stessi, e che configura anche al personale ispettivo INPS la qualifica di UPG, riteniamo che tale rilascio debba essere successivo ai corsi previsti per l’apprendimento necessario della normativa di riferimento.

Accordo cambio di profilo – Le OO.SS. e l’Amministrazione hanno concordato di individuare un nuovo percorso specifico per i cambi di profilo per cui, ad oggi, tutte le richieste saranno azzerate; le parti si incontreranno per mettere a punto i nuovi criteri in base ai quali si procederà a stilare un nuovo regolamento in materia.

Circolare n. 59 del 2017 – Premessa una critica generale ad un nuovo modello organizzativo avviato senza un serio confronto con le OO.SS., abbiamo con veemenza fatto presente all’Amministrazione le incongruenze presenti nella disposizione e che riguardano l’attivazione e la gestione delle procedure di interpello per l’individuazione del personale e l’inopportunità di inserire criteri e modalità di gestione che creano conflittualità ed invasione di campo tra funzioni attribuite ai Dirigenti Generali; per noi la circolare va modificata e dovrebbe prevedere esclusivamente trasferimenti di personale dalle Direzioni Regionali verso le Direzioni Metropolitane. Non sta poi in piedi neanche l’assurda quanto superflua individuazione, quali elementi “distintivi”, delle lauree in discipline giuridiche ed economiche che di fatto l’Amministrazione sembra voler valutare con un peso ponderale maggiore rispetto ad analoghi titoli, lasciandole alla discrezionalità della Commissione di Valutazione. La delegazione trattante ha preso atto delle nostre richieste e ha garantito che provvederà ad apportare le giuste modifiche.

Recupero fiscale sussidi straordinari – Abbiamo contestato sia le modalità di comunicazione attuate dalla Direzione Generale, inviate direttamente ai dipendenti  e senza un preventivo confronto con le OO.SS. sia le modalità di recupero del conguaglio fiscale. È stato chiesto che tale recupero, se dovuto, avvenga in  24 mesi e non sui 9 mesi già previsti. Immediatamente poi dovrà essere convocato il “tavolo” sui Benefici Assistenziali per procedere ad una revisione del regolamento, affinché in futuro non avvengano episodi simili.

Varie – Vi informiamo che entro il prossimo mese sarà convocato l’Osservatorio sulla Produttività del 2016 per l’analisi dei dati definitivi; tale analisi è in funzione dell’assestamento dei dati incompleti di alcune Sedi (vedi ad esempio il Lazio). Tutte le OO.SS. hanno chiesto che con la retribuzione di aprile, pur in assenza della relazione sulla Performance, venga comunque erogato un acconto non inferiore all’80% del saldo incentivante 2016 previsto.
Sullo stato dell’arte dei ricorsi, avverso le selezioni interne, l’Amministrazione ha comunicato di aver esaminato tutti i 365 ricorsi ad oggi pervenuti, garantendo che entro il 30 giugno p.v. (che è il tempo massimo consentito dalle regole n.d.r) provvederà a pubblicare le graduatorie definitive.
Il prossimo incontro è previsto per il 29 marzo ed ha all’O.d.g. i “Criteri per l’attribuzione delle Posizioni Organizzative; anche su questo argomento abbiamo espresso disappunto e stigmatizzato il comportamento di alcune Direzioni Regionali che, nonostante il msg. n.991 del 2/3/2017 che ne decretava il momentaneo blocco in attesa di una proposta del Capo del personale da sottoporre alle OO.SS., hanno avviato, incuranti, procedure di selezione per i posti vacanti.

F.to Coordinamento Nazionale FAILP CISAL INPS