La FIALP

OLTRE MEZZO SECOLO DI AUTONOMIA SINDACALE

La storia della FIALP ( Federazione Italiana Lavoratori Pubblici e Privatizzati) ha inizio nel 1955 dalla volontà di quelle lavoratrici e di quei lavoratori, che rifiutarono la scelta forzosa, dopo la scissione del sindacato unico del 1948, di associarsi ad organizzazioni sindacali direttamente o indirettamente influenzate da ideologie politiche e/o da appartenenze partitiche.

Da allora la FIALP e la CISAL rappresentano una presenza forte e costante, ma anche “anomala”, nel panorama sindacale italiano. E l’anomalia è proprio in quella A al centro del proprio nome: Autonomia Ovvero la scelta di perseguire e sostenere gli interessi dei lavoratori, senza condizionamenti ideologici e partitici: di essere indipendenti e dunque liberi!

Oggi più che mai, in una società in cui l’intreccio dei poteri, lo scambio di ruoli, le pressioni politiche e lobbyste inquinano l’azione del sindacato, la decisione coraggiosa di quelle lavoratrici e di quei lavoratori, nel lontano ’55, appare lungimirante ed ancora attuale.

A noi che abbiamo raccolto tale importante eredità spetta il compito di proseguire su quel cammino, fra vittorie e sconfitte, nella convinzione, anzi nella certezza, che l’unico modo onesto di fare sindacato è rappresentare i lavoratori e nessun altro!